Pubblicato il bando per accedere agli incentivi

Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali –  MiPAAF ha pubblicato il 24 agosto 2022 l’avviso relativo alle modalità di presentazione delle domande per la richiesta di fondi del PNRR relativi al progetto Parco Agrisolare.

La misura è inserita nella missione “Rivoluzione verde e transizione ecologica”, componente “Economia circolare e agricoltura sostenibile”. La riqualificazione energetica obiettivo della misura è sostenuta con lo stanziamento nel PNRR di 1,5 miliardi di euro. Di tutte le risorse stanziate una fetta pari ad almeno il 40% è destinata a finanziare progetti da realizzare nelle regioni: Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

 

Quando si può presentare la domanda per il bando Parco Agrisolare?

Le imprese del settore agricolo ed agroalimentare potranno presentare le loro domande a partire dalle ore 12.00 del 27 settembre 2022 e fino alle ore 12.00 del 27 ottobre 2022. Le domande di accesso essere presentate attraverso il portale messo a disposizione dal GSE – Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. accessibile dall’Area clienti.

 

Qual è la somma dei fondi stanziati per il bando Parco Agrisolare?

I progetti saranno incentivati per l’importo di 1,5 miliardi (fino ad esaurimento fondi) tramite una procedura svolta a sportello. Nello specifico i fondi saranno suddivisi in tre categorie:

  • Produzione agricola prima al quale è riservata la quota di 1,2 miliardi di euro; (Allegato A, Tabella 1A, del Decreto del MIPAF del 25/03/2022, nr. 140119, modificato dal DM 15/07/2022 nr. 315434)
  • Trasformazione di prodotti agricoli in agricoli al quale è riservata la quota di 150 milioni di euro; (Allegato A, Tabella 2 A del Decreto sopra citato)
  • Trasformazione di prodotti agricoli in “non agricoli” e alle altre imprese al quale è riservata la quota di 150 milioni di euro; (Allegato A, Tabella 3A, del Decreto sopra citato)

 

Quando può iniziare il processo di installazione?

L’inizio dei lavori può iniziare successivamente alla presentazione di domanda. Chi avrà modo di accedere ai fondi del bando avrà poi 18 mesi (dalla data di pubblicazione dei soggetti beneficiari), per poter realizzare e rendicontare l’intervento il limite possibile di proroga è fino al 30 giugno 2026.

Qual è l’obiettivo del bando Parco Agrisolare?

L’obiettivo previsto dal bando è la prevista installazione di 375 MW di fotovoltaico realizzato su edifici e immobili dei settori agricolo e zootecnico. Tramite lo stanziamento di questi fondi si intende diffondere e sostenere l’installazione di impianti fotovoltaici integrati nei tetti, ed eventualmente predisporre sistemi di accumulo e dispositivi smart, interventi di automazione del raffreddamento e ventilazione e soluzioni per l’isolamento dei tetti.

Caratteristiche dei progetti da presentare

Riportiamo in breve le caratteristiche dei progetti di impianti fotovoltaici che possono accedere al bando Parco Agrisolare:

  • configurazione della potenza dell’impianto in base ai fabbisogni energetici dell’azienda agricola;
  • potenza dell’impianto deve essere tra i 6 kWp e i 500 kWp;
  • devono essere impianti di nuova costruzione (nel caso di potenziamento di un impianto già esistente, l’incentivo riguarderà esclusivamente i costi relativi alla nuova sezione);
  • dimensionamento dell’impianto dovrà essere fatto usando tool “PVGIS” (https://re.jrc.ec.europa.eu/pvg_tools/it/ );
  • i moduli dovranno essere installati su coperture di fabbricati o serre esistenti;
  • il limite di spesa per l’impianto fotovoltaico è di 1.500 Euro/kWp (+ 1.000 Euro/kWh per gli eventuali sistemi di accumulo)

 

Rivolgiti a noi per una consulenza gratuita.

Testo del bando Mipaaf – Pubblicato il Bando per accedere agli incentivi della misura PNRR “Parco Agrisolare”, con una dotazione di 1,5 miliardi di euro (politicheagricole.it)