XII EDIZIONE ENERGY MED
16 Aprile 2019
italia green europa gaia energy
Italia e green: al primo posto in Europa
26 Maggio 2019
decreto fer gaia energy
decreto fer gaia energy

decreto fer gaia energy

Se ne parla da un bel po’ di tempo.

Il Decreto FER, nel settore dell’energia, è una delle tematiche più discusse degli ultimi mesi.

In questo articolo faremo il punto della situazione sullo stato di questo importante decreto e vedremo quali sono i punti principali riguardanti le fonti energetiche rinnovabili.

Che cos’è il Decreto FER

Il FER (Fonti Energetiche Rinnovabili) è un decreto che ha l’obiettivo di sostenere la produzione di energia elettrica dagli impianti alimentati da fonti rinnovabili di vario genere (fotovoltaico, eolico, idroelettrico e gas).

Il decreto è stato ideato dal Ministero dello Sviluppo Economico per portare il nostro paese in linea con gli obiettivi europei del 2020-2030 (come ad esempio la produzione di 12 TWh da fonti rinnovabili).

Proprio per raggiungere questi ambiziosi obiettivi, il governo ha definito una serie di incentivi che promuovono l’adozione e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili, come ad esempio il fotovoltaico.

Tutti questi incentivi vanno sotto il nome di Decreto FER.

Come sono organizzati i bandi?

I bandi che fanno riferimento al Decreto FER sono organizzati in 4 gruppi, ognuno dei quali prende in considerazione una fonte rinnovabile e sue determinate specifiche.

Per quanto riguarda gli impianti fotovoltaici, questi fanno riferimento al gruppo A e A2.

Gli impianti fotovoltaici di questi gruppi sono sistemi in cui i moduli fotovoltaici vengono installati in sostituzione a coperture di edifici su cui è stata effettuata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto. La superficie dei moduli non può essere superiore a quella della copertura rimossa.

Ogni bando fa riferimento a un determinato valore di potenza.

gaia energy decreto FER

Vediamo nello specifico i dettagli del decreto in merito al fotovoltaico.

Fotovoltaico: i requisiti per gli incentivi del Decreto FER

Per quanto riguarda il fotovoltaico, si parla di impianti con potenza superiore ai 20 kW. In particolare:

  • impianti di nuova costruzione, integralmente costruiti e riattivati, ma di potenza inferiore a 1 mW
  • impianti oggetto di intervento di potenziamento, qualora la differenza tra il valore della potenza dopo l’intervento e quello della potenza dell’intervento sia inferiore a 1mW
  • impianti oggetto di rifacimento di potenza inferiore a 1 mW

Tutti i dettagli della procedura di iscrizione ai registri si possono trovare nella sezione “Titolo II; Procedure per l’iscrizione al registro” del decreto. Ecco alcuni parametri per la partecipazione:

  • I lavori di realizzazione, a partire dalla comunicazione di inizio lavori trasmessa all’amministrazione competente, risultano avviati dopo l’inserimento in posizione utile nelle graduatorie.
  • Sono richiesti i titoli abilitativi alla costruzione e all’esercizio dell’impianto, ivi inclusi i titoli concessori (se previsti) e il preventivo di connessione alla rete elettrica accettato in via definitiva.
  • Sono solo di nuova costruzione (solo per impianti fotovoltaici).
  • Rispettano le disposizioni circa il divieto di accesso agli incentivi statali per impianti ubicati in aree agricole (solo per impianti fotovoltaici).
  • Prima di inoltrare richiesta di accesso agli incentivi, il soggetto responsabile è tenuto a inserire i dati dell’impianto sulla piattaforma GAUDĺ.
  • Possono partecipare alle procedure di registri anche aggregati costituiti da più impianti appartenenti al medesimo gruppo di cui all’Articolo 8 e di potenza unitaria superiore a 20 kW, purché la potenza complessiva dell’aggregato sia inferiore a 1 MW. Ai fini del presente decreto, si rileva la potenza complessiva dell’aggregato.
  • L’accesso agli incentivi è alternativo al ritiro dell’energia di cui all’Articolo 13, comma 3, del decreto legislativo 387/03 e al meccanismo di scambio sul posto.

E i requisiti per la partecipazione al bando

Per completare la richiesta di partecipazione, il soggetto responsabile deve indicare l’eventuale riduzione percentuale che viene offerta sulla tariffa di riferimento (riduzione che non può comunque essere superiore al 30%). Non viene consentita l’integrazione della dichiarazione dei documenti presentati dopo la chiusura della procedura di registro.

Il GSE infine forma e pubblica la graduatoria sul suo sito secondo i seguenti criteri di priorità, da applicare in ordine gerarchico.

  • Per il gruppo A: impianti realizzati su discariche esaurite, cave e miniere esaurite, aree di pertinenza di discariche o di siti contaminati.
  • Per il gruppo A2: impianti realizzati, nell’ordine, su scuole, ospedali, altri edifici pubblici, altri edifici aperti al pubblico.
  • Per tutti i gruppi: impianti connessi in parallelo con la rete elettrica e con colonnine di ricarica di auto elettriche, a condizione che la potenza complessiva di ricarica sia non inferiore al 30% della potenza dell’impianto e che ciascuna colonnina abbia una potenza non inferiore a 15 kW.
  • Maggiore riduzione percentuale offerta sulla tariffa di riferimento.
  • Per tutti i gruppi: aggregati di impianti, di cui all’Articolo 3, comma 10.
  • Minor valore della tariffa spettante, calcolata tenendo conto della riduzione percentuale offerta.
  • Anteriorità della data di completamento della domanda di partecipazione alla procedura.
  • Sono ammessi all’incentivo gli impianti rientranti nelle graduatorie nel limite delle specifiche contingente di potenza.
  • La graduatoria pubblicata non è soggetta a scorrimento.
  • Il trasferimento a terzi di un impianto iscritto nei registri comporta la riduzione della tariffa spettante del 50%.

Quali sono gli incentivi per il fotovoltaico messi a disposizione dal Decreto FER?

La tariffa base viene determinata in base alla potenza dell’impianto, sempre su sistemi con vita utile di circa 20 anni.

gaia-energy decreto FER

La tariffa spettante viene calcolata a partire dalla tariffa di riferimento, applicando poi una riduzione percentuale pari all’offerta al ribasso che viene formulata dal produttore, nell’ambito dell’asta o registro.

In aggiunta, la tariffa spettante viene ulteriormente ridotta, nello specifico:

  • riduzione dell’1% all’anno fino alla data di entrata in esercizio, applicata per la prima volta decorsi 12 mesi dalla data di comunicazione di esito positivo delle procedure di asta e registro;
  • riduzione per mancato rispetto dei tempi massimi di entrata in esercizio di cui all’Articolo 10, comma 2;
  • riduzione nel caso di ottenimento di contributi in conto capitale.

Nel dettaglio il GSE opera in questo modo:

  • Per gli impianti aventi P<100 kW il GSE provvede, ove richiesto, al ritiro dell’energia elettrica immessa in rete, erogando la tariffa spettante omnicomprensiva sulla produzione netta immessa in rete.
  • Per gli impianti diversi il GSE calcola la componente incentivo e qualora il valore risulti positivo eroga gli importi in riferimento alla produzione netta immessa in rete. Nel caso in cui il valore risulti negativo, il GSE conguaglia o provvede a richiedere al soggetto la restituzione dei relativi importi. In tutti i casi l’energia prodotta da questi impianti resta nella disponibilità del produttore.
  • Per gli impianti aventi P<100 kW è possibile scegliere un sistema o l’altro ed è consentito il passaggio da uno all’altro non più di due volte durante tutto il periodo di incentivazione.

E per gli impianti nuovi?

In questo caso si aprono tre scenari in particolare.

1 – Impianti che richiedono la tariffa omnicomprensiva

Per tutti gli impianti di potenza fino a 100 kW (tariffa omnicomprensiva), il GSE riconosce la tariffa incentivante omnicomprensiva (To), che viene determinata con una formula specifica (To=Tb+Pr; dove Tb= tariffa incentivante base ricavata dalle tabelle, Pr= ammontare totale degli eventuali premi a cui ha diritto l’impianto). Inoltre, per tutti gli impianti facenti parte del gruppo A-2 dei tabellari di tariffe, si applica un premio aggiuntivo pari a 12€/MWh.

2 – Altri impianti

Per altri impianti, il GSE procede ad applicare l’incentivo sulla base della formula Inuovo=Tb+Pr+Pz (Tb= tariffa incentivante base ricavata per ciascuna fonte e tipologia di impianto ridotta della percentuale aggiudicata nella procedura di asta o registro alla quale l’impianto abbia partecipato con esito positivo, Pr= ammontare degli eventuali premi, Pz= prezzo zonale orario della zona in cui è immessa in rete l’energia elettrica prodotta).

3 – Impianti con riconoscimento o assegnazione del contributo in conto capitale

In questi casi particolari la tariffa viene rideterminata nel valore del Tb, che viene assegnato nella seguente maniera: Tbr=Tb*(1-R). Tb=Tb= tariffa incentivante base ricavata per ciascuna fonte e tipologia di impianto ridotta della percentuale aggiudicata nella procedura di asta o registro alla quale l’impianto abbia partecipato con esito positivo; R= parametro variabile linearmente tra 0 e 0,26 (valore relativo a un contributo in conto capitale del 40%).

Qual è la documentazione da inviare al GSE?

Come puoi immaginare, per usufruire degli incentivi è necessario inviare una specifica documentazione al GSE, sotto forma di dichiarazione sostitutiva. La documentazione va inviata al GSE attraverso gli appositi modelli, il tutto attraverso il sito ufficiale dell’ente.

I documenti sono:

  1. Copia della documentazione necessaria a comprovare il rispetto dei requisiti generali di cui all’Articolo 3.
  2. Documentazione necessaria a comprovare il possesso delle caratteristiche necessarie per l’applicazione dei criteri di priorità di cui ai Titoli II (registri) e III (aste).
  3. Documentazione necessaria a comprovare il rispetto dei requisiti specifici per la partecipazione alle procedure d’asta e registro.

decreto fer gaia energy

Lo stato dell’arte 2019

Il Decreto, una volta definito, è passato al vaglio dell’ufficio di ARERA, poi delle Regioni in Conferenza Unificata e infine è arrivato sul tavolo della Commissione Europea.

In particolare, quello dell’UE è l’ultimo passaggio prima della validazione finale del Decreto.

Allo stato dell’arte, ciò che manca alla definizione conclusiva del Decreto è solamente la conferma da parte di Bruxelles.

I vantaggi di una ESCo

Il Decreto FER permetterà a impianti fotovoltaici, nuovi o già installati, di poter accedere a interessanti agevolazioni.

Nel caso la tua azienda non si sia ancora dotata di un sistema fotovoltaico, sicuramente ti starai informando.

Ad oggi sono moltissime le aziende che ti permettono di dotarti di un impianto fotovoltaico, sfruttando tutta la potenza di questa tecnologia (che oggigiorno avanza sempre di più).

Ma devi sapere che non tutte le aziende di questo tipo sono uguali.

Oggi affidarsi a un’impresa che progetta e installa un impianto fotovoltaico per la tua azienda non è più sufficiente.

Ecco perché dovresti affidarti a una ESCo per il tuo nuovo modulo fotovoltaico.

Le ESCO sono soggetti specializzati, che:

  • reperiscono le risorse finanziarie richieste
  • eseguono la diagnosi energetica, lo studio di fattibilità e la progettazione
  • realizzano l’intervento
  • conducono la manutenzione e l’operatività dopo l’installazione

Tutto questo lo puoi avere con il metodo Zerocash® di Gaia Energy, studiato appositamente per le Piccole e Medie Imprese.

Scopri di più qui.